un caso per Dibla

dopo mesi di durissima dittatura dovuta ad una serie di progetti che non mi hanno mai lasciato un attimo o un briciolo di energia residua, finalmente posso anche tornare a cazzeggiare con una matita in mano. il primo frutto di questi cinque minuti liberi è questa tavola, dedicata a Di Blasi: giornalista, persona seria e rispettabile che si rifiuta di essere mio suocero – suppongo  solo perchè lui è di Salerno ed io di Napoli e quindi con il mio ingresso in famiglia egli, salernitano, finirebbe nel cono d’ombra della mia luminosità partenopea.
Ma ho intenzione di fiaccare la sua resistenza dipingendolo in una serie di tavole che non tarderanno a far breccia nel suo caramelloso cuore. Quella di oggi si intitola ‘Guaio Grosso a Pignetown’ e prende spunto da un purtroppo reale fatto di cronaca: un omicidio nei pressi del pigneto, esattamente dove vive mio suocero. Quel giorno egli non era in redazione e con Caselli lo abbiamo immaginato alle prese con il caso.

beh?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...